– Ciao Gesù…

– Ciao carissimo!
– Gesù senti, ma è vero che noi dobbiamo soffrire per consolarti?!
– Mah… e chi te l’ha detto??
– Lasciamo stare… allora non è vero?
– Ascolta… tu lo sai che io ti amo, sì?
– Sì, almeno razionalmente sì…
– Ecco… se io ti amo, come amo ogni essere umano, ogni essere vivente, come potrei essere consolato nel vederti soffrire? Sarei un despota, uno senza cuore, o meglio, con un cuore di pietra!
– Ma allora…
– Allora i conti non ti tornano eh?
– Beh, Gesù, non so come dire…
– Dai sbrogliamo questa matassa insieme.
– Ok!
– Punto primo: Io, Dio ti amo
– E fin qui…
– Poiché ti amo di amore infinito voglio il meglio per te, voglio la tua felicità…
– Ti ringrazio Gesù!
– Ma non finisce qui…
– Ah!

– Eh sì, perché come ben sai, la vita è dura per tutti, dillo a Me, quante ne ho passate! E quindi quelle sofferenze, ingiustizie, dolore fisico e morale che raccogli ogni giorno che ne fai? Dallo a me, no!!!
– E poi?
– E poi il tuo dolore, il dolore del tuo vicino di casa, il dolore di tutto il mondo lo metto nel mio cuore, lo vivo anche io come te e come tutti, e quel dolore, quell’ingiustizia diventa salvezza, diventa felicità!
– Ho capito…
– Per tornare alla tua domanda, io non sono consolato dal tuo dolore, non vorrei neppure che soffrissi. Sono però consolato se quel dolore che vivi, mi permetti di viverlo insieme con te…
– Gesù che bello! Questo vuol dire che per quanto posso essere solo, solo non sarò mai!
– Esatto!
– Grazie Gesù!
– Allora domani all’offertorio della S. Messa saprai cosa offrirmi… 😉

Condividi:

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2017 Luca Rubin

Theme by Anders Norén