Primo giorno di scuola, inizia una meravigliosa avventura!

Zainetto pronto: diario, astuccio, penne, colori, gomma temperino, un paio di quaderni, grembiulino colorato… tutto è pronto per il grande giorno! E tu sei emozionato, o forse neppure ci pensi. Sai già che con te ci saranno gli amici della scuola d’infanzia, almeno alcuni. Mamma e papà ti hanno detto che sarà un po’ diverso da ciò che hai vissuto fin qui: avrai nuove maestre e maestri, un orario, cose nuove da imparare, e poi; i voti! Se hai la ‘fortuna’ di avere un fratello o una sorella maggiore ti avrà fatto una testa come un pallone su cosa si fa e cosa non si fa a scuola…

Mi sembra di vederti, attratto dal tuo nuovo zaino e tutto il suo contenuto, ma anche intimorito da ciò che troverai in quella scuola, in quell’aula: persone, cose, situazioni. Sei in mezzo a questo turbine, come su un’altalena di emozioni che ti lancia in alto per poi scaraventarti a terra, e diciamocelo, non ti ci raccapezzi più, acconsenti con la testolina a tutti, con occhi trasognati, sperando che decollo e atterraggio non siano troppo devastanti.

È vero che inizierai una nuova avventura, ma sarà tutto naturale sai, niente di impossibile, niente di tremendamente difficile. Imparerai tante cose, alcune già le sai, già le vivi. Capiterà spesso che sarai tu ad insegnare all’insegnante e ai compagni; altre volte sarai tu a ricevere nozioni e regole.

Scoprirai che la scuola, come la vita, non è altro che un grande meraviglioso puzzle che via via si va componendo ora dopo ora, giorno dopo giorno. Qualche volta non si trova l’incastro giusto, e il disegno non torna, altre volte si staccano i tasselli in precedenza connessi e devi riprendere il lavoro. Non spaventarti, vedrai che tutto prenderà il giusto ordine, e magari dopo giorni di fatica e di pianti, sorgerà il sole e il sorriso sul tuo volto.

La scuola è tua amica, non un mostro da cui difenderti! Per qualsiasi cosa hai a tua disposizione insegnanti che ti accompagneranno passo passo lungo tutto l’anno scolastico, ogni giorno, tutti i giorni (sabato e domenica no eh!), sappi comunicare con loro, e attingi a piene mani da chiunque ti doni informazioni e contenuti. Poi piano piano, riordina tutto, come nei cassetti del tuo armadio, così quando hai bisogno di qualcosa sai dove trovarla. E poi gioca, conosci, corri, divertiti che la scuola è sempre stata maestra e mamma di tutti quanti.

Buona scuola, buona vita!

 


Also published on Medium.

Condividi:

Next Post

Previous Post

7 Comments

  1. mauro 9 settembre 2017

    W la scuola

  2. Federico Bilotti 9 settembre 2017

    Ho otto nipoti, tre dei quali stanno iniziando ad andare a scuola in questi giorni. Chi in Italia e chi in Germania, proprio con astucci e penne come descrivi così bene tu Luca… grazie per le belle emozioni che mi hai fatto provare!

  3. Monica 9 settembre 2017

    Bellissima visione della nostra scuola ❤😄👍 sono una docente e mi piacerebbe poter regalare questi tuoi pensieri ( attribuendotene la paternità ovviamente 😜) ai genitori dei miei nuovi bimbi di classe prima 😍 Se mi autorizzerai, è chiaro 😉👌
    Attendo e intanto mi complimento con te 😄

Leave a Reply

© 2017 Luca Rubin

Theme by Anders Norén