Chiesa di campagna

Signore, questa sera ti chiedo una cosa grande, eppure semplice…

Hai presente quelle piccole e disadorne chiese di campagna? Ecco, ti chiedo di poter essere come loro.
Vediamo…
Rendimi semplice, senza nulla di appariscente, pratico e concreto, accogliente pur nella sobrietà di pietre mal squadrate ma messe insieme ad arte, come nel più raffinato dei mosaici.
E poi pronto a tutto: sia ad essere amato, come ad essere abbandonato, proprio come capita, purtroppo, a queste chiesette sperdute nel verde. Ma da loro mai si allontanerà il divino. Così anche per me, va bene Gesù?!
Regalami un cuore che sappia lodarti, benedirti, celebrarti e magnificarti, nella luminosità splendente del Tuo Amore, nel bianco di una vita totalmente donata e consacrata.
Donami Signore di essere forte nelle intemperie della vita: queste chiesette sono dei colossi! Hanno passato centinaia di stagioni, ed è vero, sono scalfite e segnate dal tempo, ma le loro fondamenta non si sono mosse di un millimetro. Anch’io, Signore: nulla mi faccia indietreggiare, nulla tolga mai dalle mie labbra un sorriso sincero e gioioso. 
Penso che le richieste siano anche troppe per oggi… Nella Messa il sacerdote prima della Santa comunione così prega: “che io non sia mai separato da Te”. Vale anche per me, ok? Grazie signore Gesù.

Next Post

Previous Post

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2018 Luca Rubin

Theme by Anders Norén

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: