Che cosa dobbiamo fare?


Brano di riferimento: Lc 3,10-18


Che cosa dobbiamo fare? 

Giovanni sta predicando e annunciando il Cristo nella regione del Giordano, e come conseguenza la gente gli pone questa domanda. La stessa domanda viene posta dai pubblicani (ossia esosi esattori delle imposte), e dai soldati. Tre gruppi di persone pongono la stessa domanda, e Giovanni dà tre risposte diverse: alle folle (e quindi a tutti), suggerisce l’atteggiamento della condivisione, ai pubblicani la giustizia e ai soldati la correttezza. Più semplicemente Giovanni risponde: siate la versione migliore di voi stessi, non di un altro. Vivi bene ciò che sei chiamato ad essere, non devi compiere strani riti o fare chissà cosa: sii te stesso, vivi bene la tua vita. Chi pone questa domanda? Chi ha ascoltato la buona notizia del vangelo e desidera rispondere concretamente (non chiedono cosa dobbiamo credere, ma FARE). 

La concretezza dell’incarnazione è la scelta di Dio non solo per incontrare l’uomo, per essergli vicino: l’incarnazione è l’essenza stessa di Dio, la sua modalità, la sua anima. Proprio per questo Dio è Creatore (plasma, si sporca le mani, crea), e Salvatore (si incarna, piange, gioisce, soffre, muore). La fede in Cristo ha bisogno di carne e ossa, non di idee, di filosofie, ma di muscoli e tendini che lavorano in sintonia col cuore e la testa, per rendere il mondo un luogo più bello e più buono. 

Io vi battezzo con acqua. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco.

Abbiamo necessità dell’acqua, per lavarci, per bere, per pulire, e abbiamo necessità del fuoco, per scaldare, bruciare, purificare, plasmare, sciogliere. Dio che è Creatore sa bene come gestire la materia, e sa che alla dolcezza dell’acqua c’è bisogno della forza del fuoco. Questi due battesimi non sono in contrapposizione, ma si completano. La proprietà pulente dell’acqua è completata dalla potenza del calore del fuoco, dall’azione trasformante dello Spirito. 

Il fare non è solo nostro: il fare è il lavoro di Dio che si affatica e si stanca, proprio come noi. Ecco perché desidera l’incontro con te: per riposarsi, per stare in famiglia, per dirti che gli sei mancato, per raccontarsi e per ascoltarti. 


Also published on Medium.

Next Post

Previous Post

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

© 2019 Luca Rubin

Theme by Anders Norén

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: